“Di Attaccapanni, Posaceneri e altre sciocchezze”

In seguito ai primi mesi di lezione del nuovo anno accademico, in particolare al Teaching Hub, abbiamo stilato un elenco di richieste e dei problemi che ci sono stati segnalati da molti degli studenti del Campus di Forlì. Abbiamo quindi inoltrato una mail ai responsabili del Campus di Forlì.

Ci auguriamo che le segnalazioni vengano prese in considerazione nel più rapido tempo possibile, come successo per cestini e posaceneri al Teaching Hub. Abbiamo incontrato alcuni responsabili e appreso che molte delle altre richieste sono già “sotto esame”. Ringraziamo l’amministrazione del campus per la disponibilità e la collaborazione con i rappresentanti degli studenti.

Di seguito le segnalazioni che ci avete inviato che abbiamo inoltrato (in ordine casuale):

1. La necessità di avere attacapanni nelle aule e nei corridoi del Campus

2. La necessità di scanner nei locali del Laboratorio informatico di Ateneo.

3. La possibilità di dotare il piano terra del Teaching Hub di un maggior numero di sedie e panchine, e qualora possibile, tavoli. L’idea alla base di questa richiesta è di renderlo uno spazio di incontro e non solo di passaggio.

4. La possibilità di dotare il viale d’accesso al Teaching Hub di rastrelliere per biciclette.

5. Dotare l’entrata del Teaching Hub con posaceneri e con un maggior numero di cestini per i rifiuti.

6. La possibilità di dotare le aule di ricreazione della sede di Ingegneria e Scienze Politiche di microonde e la possibilità di avere un distributore di frutta sito al piano terra della nuova struttura Teaching Hub, visti i problemi legati alla mancanza di una mensa. (Queste richieste ci sono arrivate probabilmente poiché molti studenti non usufruiscono dei buoni pasto e talvolta non vi è tempo di uscire dalla struttura tra le lezioni).

7. Installare almeno una bacheca all’interno del Teaching Hub per favorire la comunicazione tra la rappresentanza studentesca e gli studenti che frequentano la struttura. (A volta i siti dei CdL non sono aggiornati e molti studenti si sono chiesti come fare a contattare i loro rappresentanti).

8. Maggiore ricambio d’aria al Teaching Hub. Risulta agli studenti che nell’aula 12 del Teaching Hub, al terzo piano, vi siano problemi legati al mancato ricambio giornaliero dell’aria.

9. “Troppo caldo”. I riscaldamenti di numerose strutture continuano – come già segnalato in passato dai rappresentanti – a riscaldare eccessivamente i locali, sprecare energie e peggiorare notevolmente la qualità di lavoro e studio negli ambienti interessati ( Teaching Hub: aula 3; stabile Morgagni, Biblioteca Ruffilli).

 

Per dubbi, reclami, proposte o idee scrivici a interassociativo@gmail.com oppure (i)scrivi(ti) su S.O.S. #campusforlì, il gruppo per le segnalazioni su facebook. Ci trovi anche su FB come Interassociativo Forlì e su twitter come @interass.

I rappresentanti Interassociativo.

Annunci

Incontri utili

La settimana scorsa si è tenuto un incontro sul tema della vita studentesca e del centro storico di Forlì, organizzato dalla Vice Sindaco Zanetti, dall’Assessore alle Politiche Giovanili Giovannetti e dalla dirigente servizio politiche culturali, giovanili e sportive. Erano presenti varie associazioni studentesche/gruppi di Forlì, anche se non tutte.

Sono state presentante alcune idee volte a stimolare e coinvolgere gli studenti universitari nella vita cittadina, come un abbonamento ad hoc per il teatro Diego Fabbri ( 35 euro per 6 spettacoli), la promozione – in collaborazione con l’Università – di un protocollo per limitare al massimo gli affitti in nero e la tariffa fissa di 3.50 € al Cinema Saffi per gli studenti.

Da parte degli studenti, molti i temi chiave portati all’attenzione dell’amministrazione comunale: l’assenza di luoghi aggregativi studenteschi, la mancanza di sedi per le diverse associazioni e l’immancabile problema del “rumore” notturno, ormai una costante nell’interazione tra (alcuni) forlivesi e gli studenti. Ancora, la frammentazione delle notizie e la difficoltà di comunicare efficacemente con tutta la popolazione universitaria rappresenta un’altra problematica significativa.

Come Interassociativo, in particolare, abbiamo segnalato l’insufficienza del numero di aule e di spazi dedicati allo studio (gli iscritti a Forlì sono più di 5600, i posti studio meno di 700), lo stallo riguardo i servizi medico-sanitari per gli studenti fuorisede (aggravato da alcune peculiarità della città di Forlì) ed infine la scarsità dei collegamenti all’interno della città, in particolare tra punti fondamentali come la stazione, la scuola di ingegneria e l’ospedale/pronto soccorso (impossibili da raggiungere con i mezzi pubblici, di sera).

La richiesta implicita è stata quella di cooperare sia con le associazioni studentesche che con il Campus di Forlì al fine di risolvere al più presto queste problematiche (per un quadro più chiaro della situazione, vedere Aule Studio e Medico Fuorisede).

Consapevoli delle difficoltà che quotidianamente gli studenti, in particolare quelli fuorisede, affrontano, crediamo che muoversi verso una maggiore collaborazione tra studenti universitari, cittadinanza e istituzioni sia di fondamentale importanza per rendere Forlì una città che sappia valorizzare la presenza di noi universitari (e non solo). Auspichiamo inoltre che il dialogo con le altre associazioni possa proseguire, in modo che occasioni di incontro come questa non rimangano un evento isolato ma siano piuttosto una costante nel tempo.

L’idea di fondo espressa dalla nuova amministrazione comunale è quella di evitare la creazione di ”un campus avulso dal contesto cittadino”, intercettando gli universitari, ascoltandoli e coinvolgendoli nella progettazione di nuove idee e nella risoluzione dei problemi. Si è trattato del primo incontro ufficiale, che auspichiamo possa diventare un Tavolo Aperto con appuntamenti regolari, l’unico modo per confrontarsi, dialogare e soprattutto trovare risposte e soluzioni concrete e condivise. Ci auguriamo che i fatti seguano alle parole, come non sempre – negli ultimi anni – è accaduto.

Per collaborare, per proposte, segnalazioni o idee scrivici a interassociativo@gmail.com

#laforlìchevorrei

In vista dell’evento di venerdì 27 in Piazza Saffi, #laforlìchevorrei, ho avuto modo di incontrare Aurelia, fuori-sede da un anno a Forlì. Aurelia è membro attivo nell’associazione il Pane e le Rose, associazione culturale che organizza da anni eventi e attività, costituita per la maggiore da studenti universitari e promotrice dell’evento.

#LaForlìCheVorrei è un progetto pensato all’interno dell’iniziativa “Impazza la Piazza”, promosso dal comune di Forlì per animare letteralmente centro storico forlivese e piazza Saffi in particolare. Intervisto Aurelia mentre gli altri ragazzi dell’associazione preparano cartelloni, colorano scritte e scrivono il programma.

#LaForlìcheVorrei. Da dove nasce l’idea? Penso sia al significato del nome che dell’iniziativa che promuovete.

#Laforlìchevorrei nasce in seguito al nostro trasferimento, a metà Aprile, da via dei Filergiti a galleria Vittoria (la nostra attuale sede). E stato un trasferimento di cui non si è potuto fare a meno, a seguito di alcune lamentele del vicinato. Abbiamo riflettuto su quanto accaduto e abbiamo pensato che Forlì ha bisogno di svegliarsi, e consapevoli del fatto che una parte di città che vuole vivere Forlì in modo diverso esiste, non come se fosse un dormitorio, abbiamo deciso di organizzare quest’evento. Con l’obbiettivo di far comprendere l’importanza di un ambiente culturale dinamico, del confronto e dell’aggregazione cittadina.

Parli di qualcosa che va oltre una sola serata?

Si, certo, l”abbiamo sempre pensato come un processo evolutivo. Crediamo che Forlì abbia le potenzialità per crescere grazie al suo essere estremamente eterogenea, e se solo ci fosse desiderio e sostegno di tutta la cittadinanza sarebbe possibile vivere la città, e centro storico, come un luogo di sperimentazione sociale, di costruzione della comunità. La piazza da sempre è un luogo di scambio e di interazione sociale ed così che la immaginiamo, un reale punto di incontro per chi la vivono quotidianamente.

Tra le attività di venerdì sera leggevo Jam session e concerto, gioco dell’oca per universitari, aperitandem, ciclofficina free of charge. Giochi come la corsa con i sacchi, i cruciverba. Sono invitati anche i bimbi?

Per i giochi puntiamo su di loro, sicuramente sono i primi a cui ci rivolgiamo ma sappiamo anche che qualche adulto non disdegnerà!!

Scherzi a parte, le attività di domani sera coinvolgono potenzialmente tutti i principali “abitanti” del centro storico: universitari fuorisede, cittadini non italiani e residenti forlivesi. Senza contare appunto i bimbi e le famiglie in generale, i giovani e gli studenti delle superiori. Pensi avverrà davvero?

Sono molto positiva, è un iniziativa grandiosa che coinvolge tutte le sfere sociali. Perché non andarci? Credo che in un centro piccolo come questo sia innaturale non essere uniti e complici. Proprio per questo credo che questa iniziativa possa essere il primo tassello per cercare un’integrazione culturale e intellettuale di cui parlavo prima. Ci stiamo muovendo nella direzione giusta e sicuramente non siamo da soli!

Ci sono numerose associazioni sia culturali che universitarie e cittadine coinvolte nelle attività di venerdì sera. Pensi che ci sia o stia emergendo uno spirito positivo di collaborazione e dialogo tra il mondo universitario e il resto della cittadinanza?

Tra il mondo universitario in particolare e la cittadinanza c’è molto su cui lavorare, ma credo che una parte di Forlì, quella delle associazioni culturali, dell’università e da diversi cittadini, abbia il desiderio di apportare un cambiamento e una visione positiva della questione. E’ necessario che si trovi un nuovo metodo per una giusta convivenza, che passi dal rispetto e dalla tolleranza, e tutto il resto avverrà in maniera più che naturale; i mezzi ci sono, basta sfruttarli.

L’obbiettivo Aperitandem.

L’aperitandem è un approccio diverso, più diretto e forse più genuino di altri, a diverse culture e lingue. Abbiamo coinvolto ragazzi che provengono da altre zone d’Europa tramite progetti di mobilità internazionale, quindi domani sarà possibile fare due chiacchere con madrelingua (di più lingue). Abbiamo anche pensato che gli studenti internazionali non sono gli unici stranieri a Forlì, ma che ci sono persone qui ormai da tanto tempo per motivi di lavoro. Vengono dall’Africa o Medio Oriente, per citare dei nomi. Perché non coinvolgere anche i loro? Parlano più lingue di noi e fanno parte di questa città. Meglio di così?

La Forlì che vorresti tu? Com’è?

E’ una città a misura di diversità, una città più tollerante verso chi è più vivace, più comprensiva ed accogliente; una città che abiti gli spazi aperti e che li lasci vivere serenamente anche a chi non è nato lì, a chi è di passaggio e a chi arriverà. La Forlì che vorrei è tutto questo ma anche altro ancora, è un percorso di crescita della città che è necessario pensare e disegnare insieme.

 

Forlì, 26 giugno

Interassociativo

#campusforlì – mini aggiornamenti

In occasione del Consiglio di Campus   del 17 Giugno, ricco di nuove informazioni e decisioni e a proposito del quale saranno disponibili aggiornamenti a breve, è stato consegnato al Consiglio un documento redatto dalla rappresentanza riguardo la situazione generale del Campus di Forlì .

Per usare altre parole,  abbiamo redatto un commento dettagliato e articolato sullo stato dei servizi, dei “disservizi”, delle necessità presenti e delle idee, proposte e suggerimenti sul campus di Forlì.  Si ringraziano tutti gli studenti che hanno partecipato alla stesura del report e coloro i quali ci hanno inviato segnalazioni e proposte. Ecco alcuni estratti del documento, che sarà presto disponibile online in versione integrale e aggiornata (tenendo conto degli sviluppi emersi e il documento finale redatto e approvato in consiglio).

 

Schermata 2014-06-15 alle 14.12.21

Iniziative & feste #CampusForlì

 

Schermata 2014-06-15 alle 14.15.07

Wifi – Malfunzionamento rete di ateneo

 

Schermata 2014-06-15 alle 14.18.09

Spazi studenti e Parco del Campus

 

Schermata 2014-06-15 alle 14.15.24

Medico & Prevenzione

 

Schermata 2014-06-15 alle 14.17.41

Miglioramento Cerimonie di Lauree

 

Schermata 2014-06-15 alle 14.16.35

Internalizzazione

 

Stiamo lavorando per arricchire il documento fino ad ora steso, in modo da poter integrare le riflessioni emerse in seguito all’ultimo Consiglio di Campus e quanto ci verrà segnalato nei prossimi giorni da studenti e rappresentanti dei vari corsi di laurea con sede a Forlì.

I Rappresentanti Interassociativo