A lezione di statistica

Negli ultimi giorni abbiamo fatto un giro al Teaching Hub e tra gli uffici di Scienze Politiche per capire qualcosa in più riguardo ai problemi di capienza delle aule del nuovo stabile. In particolare, abbiamo sbirciato la lezione di statistica, per verificare se ci fossero posti a sedere per tutti. C’erano, assieme a una ventina di sedie libere.

Questo non vuol dire che al Campus tutto vada a gonfie vele. Alcuni studenti, al contrario di altri, hanno segnalato diversi problemi ai rappresentanti (di Campus e del Corso di Laurea triennale SID) legati soprattutto alla qualità della didattica del nuovo stabile.

Per quanto riguarda il corso “incriminato”, statistica, ci è stato riferito dagli uffici competenti e dai prof che vi è stata solo una segnalazione per problemi di capienza (cc 20 posti in meno del necessario), in seguito alla quale la lezione è stata spostata. Nessuna lamentela è stata ricevuta dopo questo spostamento. Rispetto a questo episodio, né i rappresentanti del Corso di Laurea L SID, né i rappresentanti di Campus sono stati avvisati dei disagi avvertiti a lezione (neppure dopo esplicita richiesta). Forse i giornali sono più simpatici dei rappresentanti… Abbiamo invece ricevuto segnalazioni su problemi di capienza delle aule durante un parziale del tutoriale di diritto costituzionale.

Tornando al theaching hub, ci è stato segnalato che nelle aule più grandi, per gli studenti seduti nel secondo e terzo blocco di banchi, è quasi impossibile riuscire a leggere il materiale mandato sullo schermo dal proiettore. Inoltre, ci sono stati riferiti problemi legati all’impianto di amplificazione (che non sembra funzionare sempre a dovere), e a perdite di tempo dovute alle acrobazie “necessarie” per riuscire a proiettare slides in modo leggibile durante la lezione. In altre parole, sembra che tutta la strumentazione tecnica sia (ancora) in fase di rodaggio.

Perché invece non è stato aperto un collegamento diretto tra il Teaching Hub e il resto del Campus? Non si sa, anche se molto probabilmente si può spiegare con un semplice (e poco sorprendente) ritardo sulla tabella di marcia dei lavori. Durante l’ultimo consiglio di Campus, tenuto a giugno scorso, l’apertura di questo collegamento era stato garantito ai membri del Consiglio stesso e ai rappresentanti degli studenti.

C’è infine un’altra questione importante. Sembrerebbe che ad oggi non vi siano reali problemi di capienza nel Teaching Hub; ma cosa succederà – date le iscrizioni sempre in aumento – quando le aule più grandi non saranno più sufficienti? Abbiamo posto questa domanda innumerevoli volte lo scorso anno e abbiamo ricevuto come risposta la possibilità, da parte del Campus, di mettere a disposizione un’aula in collegamento audiovisivo.

La stessa risposta è stata data quando sono stati sollevati dei dubbi riguardo lo svolgimento della cerimonia di laurea di un master, sempre tenutasi nell’ex aula magna visto l’alto numero dei partecipanti. Non è stato possibile, in quest’ultimo caso, trovare un’alternativa altra al collegamento audio-video. I laureandi hanno dovuto scegliere quattro persone che potessero assistere alla proclamazione “live”, e accompagnare gli altri ospiti in una seconda aula. Alla fine però i tecnici dell’UniBo non sono riusciti a far partire la videoconferenza e tutti si sono trasferiti nell’aula principale. E’ successo durante una cerimonia di laurea. E’ successo l’anno scorso durante diverse sedute degli organi dell’UniBo (e i rappresentanti hanno perso riunioni o gran parte di esse). E se succedesse durante le lezioni?

Riporteremo tutto quanto ci è stato segnalato e richiesto dagli studenti in seno ai consigli competenti, pubblicando non appena possibile eventuali informazioni o chiarimenti, in linea con quanto fatto fino ad ora. Sono già stati richiesti alcuni incontri con diverse figure chiave. Continueremo, come fatto per tutto lo scorso anno, a esprimere pareri fortemente negativi su ogni soluzione ai problemi di capienza che possa diminuire la qualità della didattica al Campus di Forlì.

I rappresentanti Interassociativo

Annunci

Evoluzioni forlivesi

Online il nuovo numero di Schegge,

Qui Ruffeelings in anteprima,                                                                                                                                                                                                 [con qualche info sulla Scuola di Scienze Politiche, Vice-Presidenza di Forlì]

 

ruffeelingsgiugno

Sslmit e Campus in 3 punti

Abbiamo avuto modo di apprendere le preoccupazioni degli studenti della Ex-Sslmit riguardo ai trasferimenti previsti all’interno del campus universitario di Forlì, più precisamente riguardo il Trefolo e il Labterm.

Abbiamo inoltre partecipato a una riunione informativa presso la sede della Scuola, incontrando e ascoltando le diverse (e numerose) domande degli studenti. Nonostante questo abbiamo pensato fosse utile fare un punto della situazione che vi proponiamo sotto forma delle domande che più spesso ci sono state poste dagli studenti della Sslmit:

1. Quando e dove sarà spostata l’ ex-Sslmit?

Il trasferimento era previsto per l’inizio del prossimo anno accademico: dalle informazioni in nostro possesso (reperite in sede ufficiale) era previsto infatti uno spostamento di tutte le attività che ora si svolgono in palazzo Becchi tra l’edificio del Trefolo e quello di pneumo.

Tuttavia, probabilmente per (i non sorprendenti) problemi di capienza e di tempi di organizzazione dei trasferimenti, sembra che al momento l’idea preponderante sia quella di spostare la Sslimit solo parzialmente su Pneumo e Trefolo: palazzo Montanari rimarrà a disposizione della scuola, come sembra ancora valere per Palazzo Becchi: questa è una novità, che non abbiamo sentito in via ufficiale.

Dalle informazioni di cui siamo in possesso, possiamo prevedere due scenari possibili sul futuro della Ex-Sslmit. Nel primo sia Montanari che Becchi restano e si aggiungono alcuni locali di pneumo e qualche aula al trefolo, compresi laboratori informatici e cabine.

Nel secondo scenario, invece, la didattica sarebbe ripartita tra Montanari, il Trefolo e il padiglione di Pneumo interamente destinato alla Sslimit. Pare che l’asilo verrà spostato altrove e l’edificio ristrutturato con modalità e tempistiche che rimangono (ancora) indefinite. In questo caso Palazzo Becchi non resterebbe a disposizione della sede della Scuola il prossimo anno accademico. Ci interroghiamo se questo secondo scenario sia realistico, vista la data odierna e i tempi necessari per i traslochi e la ristrutturazione/adeguamento dei locali di Pneumo (che per adesso ospita anche un asilo nido).

2. Ci saranno aule attrezzate con cabine di interpretazione nei nuovi locali (per quando palazzo Becchi verra dismesso)?

Le cabine ci saranno, e, come assicurato più volte sia dai responsabili del Campus e della Sede della Scuola, verrà certamente trovata una soluzione a riguardo nel caso in cui dovessero presentarsi degli imprevisti.

Secondo le ultime informazioni in nostro possesso, le aule per la didattica con le cabine di interpretazione saranno situate nel padiglione di pneumologia. Nel Trefolo, invece, ci sarà un’aula molto grande – che dovrebbe sostituire l’Aula Magna di Oberdan – dove saranno presenti delle cabine per eventi e conferenze, non esclusivamente dedicate alla didattica.

Tuttavia, è necessario segnalare la nostra difficoltà di capire dove le cabine saranno realizzate e in che numero.

3. Vi saranno laboratori informatici riservati agli studenti SSLMIT o computer disponibili per lo studio individuale nelle nuove strutture?

Dato che palazzo Montanari non verrà dismesso a breve, il laboratorio al primo piano rimarrà a disposizione degli studenti, con tutti i programmi necessari per la didattica Sslmit. Stesso discorso per la sala lettura al secondo piano e l’aula del LabTerm.

Non è stata palesata, invece, l’intenzione o il progetto di attrezzare i tubi del trefolo con computer dotati dei software specifici necessari agli studenti Sslimit. Con lo spostamento di parte della didattica nel Campus universitario, però, è probabile che un numero più alto di studenti usufruirà del LABIC rispetto ai laboratori presenti a Montanari.

Ricordiamo che gli studenti del Campus di Forlì sono circa 5630 e le postazioni disponibili al Labic 170. I posti studio individuali previsti l’anno prossimo sono circa 420, in linea con quelli disponibili oggi.

Con l’apertura del Trefolo non vi sarà, dunque, un aumento nel numero dei posti studio ma delle aree (speriamo) a disposizione degli studenti posizionate nei tre tubi della struttura.

Quelle che seguono invece sono le domande che abbiamo raccolto e a cui però, come rappresentanti, non abbiamo saputo rispondere. Al momento ci stiamo impegnando a raccogliere nuove informazioni in proposito tra le figure chiave all’interno del Campus.

  • Come verranno distribuite le lezioni dei vari corsi di laurea tra le diverse sedi? Quali aule sostituiranno l’aula Magna e l’aula Mediani? Cambieranno i blocchi delle lezioni?
  • Nel Trefolo ci saranno tecnici disponibili a risolvere eventuali problemi nelle vicinanze delle aule?
  • Dove saranno gli studi dei professori? E l’ufficio Erasmus Sslmit?
  • Dove si terranno le proclamazioni di laurea e i test d’ingresso, vista la dismissione di Magna e Mazzini?
  • Se la mensa sarà aperta sia agli studenti che alla cittadinanza, ci sarà posto per tutti? Ci sarà ancora un’aula aperta a disposizione per mangiare il pranzo portato da casa?
  • Sarà ancora possibile rimanere in università la sera per le prove del teatro organizzato dall’Associazione SSenzaLiMITi?

La rappresentanza ribadisce l’impegno di Interassociativo nel reperire maggiori informazioni e chiarimenti, specialmente in seguito alle indicazioni ricevute da studenti e rappresentanti dei corsi di laurea. Non esitate a segnalarci eventuali dubbi o punti sui quali sono necessari ulteriori chiarimenti.

trasferimenti #campusforlì – primi dati in arrivo

Dopo diversi mesi di lavoro, richieste e incontri a proposito di campus, in particolare per quanto riguarda i trasferimenti previsti nel trefolo all’inizio del prossimo anno accademico, abbiamo ricevuto le tanto richieste informazioni sul numero di aule della struttura “trefolo” e la relativa capienza.

I rappresentanti Interassociativo stanno portando avanti il lavoro di monitoraggio sull’organizzazione dei trasferimenti e sulle conseguenze (continuiamo a sperare positive) che questi avranno sulla didattica dei corsi di Laurea. E’ importante sottolineare la disponibilità, nel corso del tempo, mostrata da parte di alcune figure chiave coinvolte dai vari trasferimenti previsti, sia tra gli uffici che tra i responsabili.

In vista del prossimo Consiglio di Campus, previsto per metà giugno, non possiamo tuttavia che sperare in una forte accelerazione dei lavori e in una maggiore chiarezza nei processi organizzativi e nell’informazione agli studenti e i loro rappresentanti, finora non continua né abbastanza chiara.

Nel frattempo, tutti i rappresentanti di Interassociativo stanno lavorando alla redazione di un documento finale dell’anno di rappresentanza che sta per concludersi, completo di idee, possibilità e buoni propositi per il Campus di Forlì. Non mancheranno tutte le segnalazioni sui servizi che ad oggi continuano a mancare nel Campus e sui disservizi che molti studenti vivono ogni giorno (molti dei quali veramente ridicoli).

Le segnalazioni possono riguardare sia i singoli corsi di laurea che idee, proposte o problemi riscontrati nel Campus di Forlì. Accogliamo consigli da parte di tutti gli studenti con l’obbiettivo di segnalare esigenze e proposte di tutti gli studenti dei vari corsi di laurea attivi a Forlì.

Potete scriverci via mail su facebook, gmail, nel gruppo S.O.S #campusforlì, oppure lasciare un commento qua sotto. Un grazie in anticipo,

Rappresentanti e studenti Interassociativo